Non Basta un NO!

 

In Sanca ci siamo schierati per il NO al referendum costituzionale - bastava una lettura del TITOLO V della riforma per esserlo.

Tuttavia non abbiamo voglia di festeggiare o felicitarci, come se l'esito marcasse un nuovo inizio. Come abbiamo ripetuto molte volte, non siamo per lo status quo (e come potremmo?!) e seppure ci sia sembrato importante schierarci per il minore dei mali, non possiamo e non vogliamo adagiarci nella situazione attuale.

Leggi tutto...

S'ANCA NO!

 

Mancano tre settimane dal referendum costituzionale.

Noi voteremo NO e vi chiediamo di fare lo stesso. Ecco le nostre motivazioni.

Il vero nucleo di questa riforma, del quale media e politici si sono guardati bene dal discutere, è il suo centralismo. Pare sia un principio su cui l'intero establishment politico italiano concordi: la necessità di mettere più potere nelle mani di Roma e meno in quelle delle comunità.

Se è vero che non possiamo fidarci delle regioni per spendere i nostri soldi, perché dovremmo fidarci di Roma?

Lo stato centrale si è forse dimostrato migliore nel gestire le finanze pubbliche? Se è evidente che alcune regioni dello stato italiano hanno gestito male i nostri soldi, altre hanno invece saputo offrire ai propri cittadini servizi di qualità, senza spendere soldi che non avevano. Una classe politica seria avrebbe saputo valorizzare queste esperienze, invece di buttarle con l'erba cattiva sul rogo delle regioni sprecone. Attacco, da parte delle elite politico-intelletuali italiane, che è diretto anche verso le regioni a statuto speciale, vero capro espiatorio dell'incompetenza della politica nazionale.

Ma non è solo un discorso di efficienza. Se economicamente il centralismo è, nel migliore dei casi pericoloso e nel peggiore disastroso, lo è ancora di più politicamente. Togliere potere alle regioni significa allontanare i cittadini dalla politica e dalla democrazia, dandolo invece in pasto al governo centrale, lontano fisicamente e idealmente, sopratutto per noi veneti.

In poche parole: IL CENTRALISMO FA MISERIA.

La diminuzione dei poteri delle regioni, da 19 a 6, e la clausola di supremazia sono gli strumenti di questo assalto al già limitatissimo potere locale.

Intendiamoci: questa riforma è tra i più grandi ostacoli al percorso di autogoverno del Veneto. Sostenere il contrario, come fa il PD Veneto, è falso e significa prendere in giro i cittadini. Basta infatti visitare le infografiche del comitato del SI per leggere la dicitura Meno potere alle regioni, tra i vantaggi di questa riforma (sic!, ma par davèro).

Questo referendum mette ulteriormente in piazza come il Partito Democratico continui a remare contro il Veneto. Pensiamo al cosiddetto emendamento Rubinato, che avrebbe permesso alle regioni dello stato italiano di negoziare forme di autonomia speciale. Emendamento bocciato dall'intero PD, con tanto di dura reprimenda da parte del segretario Veneto - De Menech - contro la senatrice eretica.

Come difensori del principio di autogoverno delle comunità, l'idea di un senato sul modello del bundesrat tedesco avrebbe anche potuto piacerci. Crediamo però che esso abbia senso solo quando sia parte di un vero sistema federale. Se in cambio della sua creazione i territori devono invece perdere qualsiasi funzione legislativa - grazie alla clausola di supremazia - allora non possiamo che manifestare il nostro più profondo disaccordo.

Non siamo certo tra quelli che credono che la Costituzione sia sacra o immodificabile - figuratevi :)

Non condividiamo però neanche l'opinione di chi, anche se poco convinto dalla riforma, voterà SI perché BISOGNA CAMBIARE. Cambiare solo per cambiare non ha alcun senso, specialmente se si cambia in peggio.

Per concludere, abbiamo risposta chiara alla domanda che il referendum ci pone: S'ANCA NO!

 
Leggi tutto...

# 905 - TELEVISIONE VENETA PUBBLICA O PUBBLICO-PRIVATA COME STRUMENTO PER FAR CRESCERE IL SETTORE CREATIVO/COMUNICAZIONE.

 

Il settore creativo e della comunicazione è un settore in crescita anche in Veneto. Ogni anno dalle università e dalle accademie Venete escono giovani molto preparati in questi campi, che cercano uno spazio ove sviluppare le proprie potenzialità.

Troppo spesso però sono costretti ad andare via per la mancanza di opportunità o per le proposte di lavoro poco stimolanti. Crediamo che uno strumento per far crescere il settore creativo e della comunicazione in Veneto sarebbe quello di costruire un network televisivo locale di qualità, che faccia informazione e produca contenuti.

Già ad inizio anni 2000, la regione aveva mandato alcuni delegati in Catalogna a studiare la locale televisione pubblica al fine di costruire un modello simile in Veneto, ma il tutto si era arenato qualche anno dopo. 

Crediamo che sia arrivato il momento di riprendere in mano tale progetto e di cominciare a costruire, approfittando dei mattoni già posti, una televisione che segua il modello pubblico o quello di un consorzio pubblico-privato in cui vengano valorizzate le competenze e le strutture già presenti nelle televisioni private venete.

Tale progetto sarebbe di centrale importanza anche per permettere ai cittadini di seguire e controllare la politica Veneta, contribuendo alla costruzione di un opinione pubblica, e nella promozione della cultura e della lingua veneta che troverebbe nella televisione uno strumento prezioso.

 
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS