San Petronio Catalano è Nostro!

 

In Veneto abbiamo fatto l'indipendenza!

Sulle aste sventolano solo gonfaloni dal Garda all'Adriatico. Nelle scuole si insegna in lingua Veneta. Il Doge è stato ripristinato come carica temporale di rappresentanza istituzionale. L'economia va bene e per tutti gli stati europei siamo una serena democrazia moderna.

Tuttavia, la regione di San Petronio Catalano ci da dei problemi. Parlano ancora per la maggior parte in italiano, insegnandolo pure ai nuovi venuti. Continuano a esporre la loro bandiera tricolore. Alcune tradizioni diverse dalle nostre durano a morire, anzi, rinvigoriscono.

 

Hanno iniziato a eleggere nel loro consiglio, dei rappresentanti che fanno parte di partiti che hanno come obiettivo la riunificazione di San Petronio allo stato italiano!

Abbiamo tolto loro l'autonomia di cui godevano, li abbiamo minacciati di ritorsioni, ma non è servito. Negli ultimi anni questi partiti hanno raggiunto la maggioranza. Hanno portato in strada fiumi di persone sventolanti la bandiera italiana, hanno osato pure indirre un referendum per la riunificazione con l'Italia.

Inaccettabile. San Petronio Catalano è Nostro. È Veneto!

Abbiamo sequestrato le loro schede, bloccato i seggi, picchiato chi andava a votare. Ma nonostante tutto hanno avuto l'ardire di dichiarare l'unione di San Petronio Catalano all'Italia.

Per ristabilire la democrazia, abbiamo dichiarato decaduto il governo petroniano, incarcerato i consiglieri con l'accusa di sedizione, malversazione ed eversione. Abbiamo assunto il controllo di San Petronio. Il loro capo è in fuga a Reggio Emilia, ma lo prenderemo.

Fortunatamente, insignificanti minoranze a parte, tutti stanno dalla nostra parte.

Maledetti Indipendentisti!

--------------

E ora la parte seria - in realtà lo è anche la prima.

--------------

Perché Puigdemont è a Bruxelles?

Se l'obiettivo del governo catalano è forzare l'Europa a entrare nel dibattito, lo stanno facendo nella maniera corretta.

Qui i perché:

Lo stato Spagnolo sta perseguendo Puigdemont per Ribellione.

L'Audiencia Nacional [la versione moderna del Tribunale dell'Ordine Pubblico di Franco] gli ha intimato di comparire di fronte salla corte.

Puidgemont si sposta a Bruxelles.

L'Audiencia Nacional dovrà presentare un mandato di arresto Europeo per richiedere l'estradizione del presidente Catalano.

Uno dei principi dell'estradizione è che il reato sia tale in entrambi i paesi [in questo caso Spagna e Belgio]

Ci sono ovviamente delle eccezioni a questa regola, ma la Ribellione non sembra farne parte.

Il Belgio, quindi, dovrà gioco forza prendere posizione sul caso di Puigdemont, aprendo di fatto il dibattito interno all'Unione Europea sulla questione dell'indipendenza Catalana, rompendo lo status di questione interna.

L'accusa dell'Audiencia Nacional dovrà essere discussa a Madrid e a Bruxelles, mostrando a tutta Europa e al mondo il deficit di democrazia e separazione dei poteri in Spagna.

 

 
Ultima modifica ilVenerdì, 03 Novembre 2017 12:57
Altro in questa categoria: « Referendum: vittoria dei veneti!