Chi siamo

 

Sanca in lingua veneta vuol dire Sinistra.

Quindi siamo la sinistra veneta? Non la definiremmo così semplice e non così settoriale. Ciò che ci rappresenta è una visione un po' controcorrente del Veneto, dell'Autogoverno e dello stesso concetto di progressismo. 

Sanca è composta da studenti, lavoratori, liberi professionisti, piccoli imprenditori accomunati da una visione politica ci centro sinistra e dall'idea che essa non possa venire realizzata se non attraverso una prospettiva di autogoverno dal basso e di valorizzazione della cultura e dell'identità locale. È un gruppo che non può riconoscersi, quindi, né nei partiti del venetismo classico né in quelli della sinistra italiana, legata ad un centralismo fuori-luogo e fuori-tempo.

Dall'incontro dei primi membri, emerge la necessità di dotarsi di uno strumento che permetta di proporre una lettura nuova della realtà, dapprima come una sorta di Think Tank, mentre nel corso del tempo, le fila si allargano. Si apre dunque il cammino, ancora in corso, che si pone come destinazione l'obiettivo di rendere Sanca un movimento politico a tutti gli effetti.

Un passo importante di questo percorso vede il nostro ingresso in EFAy, realtà giovanile associata ad European Free Alliance, partito degli autonomisti e degli indipendentisti progressisti in Europa, che permette a Sanca di sviluppare un approccio più profondamente europeista ed internazionalista.

Il nostro movimento non ha alcun debito formativo verso direzioni nazionali a cui fare riferimento e si basa sulle idee e gli ideali delle persone che lo compongono, a cui non viene richiesto di recitare il Capitale. Premiamo la meritocrazia, valutiamo a maggioranza le iniziative da intraprendere, investiamo tempo e risorse per costruire soluzioni che siano il risultato soddisfacente del lavoro del gruppo, non del singolo.

Il nostro obiettivo finale è rendere il Veneto un territorio quanto più Autonomo, Benestante, Ecologico e Aperto al Mondo possibile.

 

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?