Un Nuovo Contratto Green

 

Il Veneto del presente e del futuro dovrà seguire le strade dell’ecosostenibilità, della neutralità climatica e dell’economia circolare tracciate dall’Unione europea e dall’ ONU. La sostenibilità deve essere un pilastro dell’amministrazione veneta; le azioni che si devono intraprendere non dovranno essere solo di facciata ma vere azioni lungimiranti che assicurino la possibilità alle future generazioni di soddisfare i propri bisogni.

Armonizzare economia, sociale, ambiente!

Per uno sviluppo sostenibile è importante armonizzare la crescita economica, l’inclusione sociale e la tutela dell’ambiente. Sarà necessario adottare misure che mirino a sconfiggere la povertà, a implementare un’istruzione di qualità, a lottare contro il cambiamento climatico, a promuovere la capacità innovativa delle, a ridurre le disuguaglianze, a migliorare le strutture sanitarie imprese e a rendere dignitoso il lavoro.

Noi proponiamo come prima misura l’insegnamento dell’ecologia nelle scuole primarie in modo da far crescere nelle nuove generazioni la consapevolezza dei cambiamenti che stanno avvenendo a livello globale e di dare maggior peso alle questioni ambientali essenziali per la nostra sopravvivenza. Consideriamo che la scuola e l’istruzione in genere abbiano un ruolo essenziale per istruire le ragazze e i ragazzi del Veneto riguardo a problemi globali e allo stesso locali. Vogliamo avviare un piano di ammodernamento ed efficientamento del sistema dei trasporti; vogliamo che tale piano venga implementato attraverso forme di democrazia partecipata dove saranno prese in considerazione le proposte di cittadini, comitati locali, aziende e altri stakeholders così da superare le forme di centralismo regionale adottate dalla maggioranza odierna nella realizzazione di nuove opere pubbliche.

Il servizio pubblico dovrà essere accessibile a chiunque ed essere una valida alternativa al trasporto privato anche negli spostamenti quotidiani quindi dobbiamo adottare una rete infrastrutturale capillare che serva anche le zone periferiche della Regione. Vogliamo inoltre incentivare il rinnovamento del parco auto presente nel territorio ancora fermo a motorizzazioni ormai obsolete; vogliamo contribuire a questo cambiamento con importanti incentivi finalizzati all’acquisto di vetture poco inquinanti favorendo agevolazioni fiscali come ad esempio una più lunga durata di esenzione dal bollo auto. Un’altra importante sfida del nostro tempo che vogliamo affrontare sarà quella di far fronte alla sempre più grande richiesta di energia perseguendo comunque la via della sostenibilità; riteniamo doveroso contribuire sempre più all’implementazione di strutture passive e di micro sistemi locali per la produzione di energia sostenibile gestiti territorialmente e di sicuro meno impattanti rispetto alle opere faraoniche messe in atto o promosse negli ultimi anni di gestione regionale.

 

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?